www.industria-online.com
Ausa News

C251H VS C250H, L'EVOLUZIONE VERSO LA NUOVA GENERAZIONE DI CARRELLI ELEVATORI 4X4

Il carrello elevatore fuoristrada C251H di AUSA è stato lanciato sul mercato durante la fiera di Bauma 2019. La macchina ha rappresentato un importante passo avanti nel campo dei carrelli elevatori fuoristrada, posizionandosi come la più avanzata sul mercato e includendo importanti soluzioni tecnologiche e un grande miglioramento della capacità 4x4.

C251H VS C250H, L'EVOLUZIONE VERSO LA NUOVA GENERAZIONE DI CARRELLI ELEVATORI 4X4

Nonostante tutti i progressi tecnici e in termini di equipaggiamento, il C251H doveva svolgere un ruolo complicato in quanto incaricato di sostituire la stella delle macchine di sollevamento di AUSA, il carrello elevatore C250H, il più venduto.

I modelli di carrelli elevatori C250H e C250Hx4, ormai fuori produzione, inizialmente noti come CH250 e CH250x4, sono stati lanciati nel 2000 e, all'epoca, rappresentavano un grande balzo in avanti nelle prestazioni rispetto ai loro predecessori: per la prima volta sono stati dotati di un joystick multifunzione che ha permesso di effettuare tutti i movimenti dell'albero comodamente da un unico dispositivo di comando e di una trasmissione idrostatica che ha sostituito quella meccanica tradizionale, il che ha significato un grande aumento della sicurezza e del comfort di funzionamento.

Partendo da questo presupposto, il C251H è stato concepito per seguire la scia del suo predecessore e continuare a essere uno dei modelli leader del mercato, offrendo prestazioni sensazionali e molte nuove funzioni.

Innanzitutto spicca la sua estetica aggressiva, con linee spigolose, molto in linea con le attuali tendenze automobilistiche e ampie aperture nel contrappeso che consentono di ottimizzare il raffreddamento del motore e di migliorare l'accesso al radiatore.

Prestazioni a basso consumo di carburante
Uno dei punti salienti è l'elevata efficienza in termini di rendimento delle macchine di nuova generazione, per le quali AUSA si è impegnata a ridurre il consumo di carburante e l'impatto ambientale derivante dal loro utilizzo. Mentre il C250H montava un motore Kubota da 36,5 kW con una coppia di 158,6 Nm, conforme alle normative sulle emissioni Stage IIIA, il nuovo C251H monta un motore Kubota da 31,2 kW che vanta una coppia pari a 159,8 Nm ed è conforme alle normative sulle emissioni Stage V, il che significa una riduzione del 20% delle emissioni di CO2.

Inoltre, il nuovo motore funziona in combinazione con il sistema ECO Mode sviluppato da AUSA, che regola automaticamente il regime del motore per fornire la potenza necessaria con il minor consumo di carburante. Inoltre, è stato installato il sistema Smart Stop, che contribuisce a ridurre il consumo di carburante e le emissioni di CO2 di un ulteriore 5%. Tale dispositivo arresta automaticamente il motore quando non viene utilizzato, adattandosi alle condizioni di raffreddamento. Si tratta di un'analogia tecnicamente evoluta del tradizionale Start&Stop automobilistico mutuato al settore dei macchinari industriali.

Capacità fuoristrada
Una delle caratteristiche che differenziano l'AUSA dai suoi concorrenti è il sistema di trazione FullGrip on-demand, che consente di attivare e disattivare la modalità 4x4 del carrello elevatore in funzione della necessità di superare terreni difficili o per una maggiore manovrabilità. Tale sistema era già montato sui modelli C250H e CH250, accolti molto bene dal pubblico. Grazie a questo sistema, l'operatore poteva premere e tenere premuto un pulsante sul joystick per attivare la trazione fuoristrada del carrello elevatore, migliorandone così la capacità fuoristrada al momento opportuno.

Con la nuova generazione, il C251 ha evoluto il sistema FullGrip per renderlo più intelligente, impedendo alla modalità 4x4 di superare i 10 km/h. Ciò consente una maggiore trazione sui terreni tortuosi, dove le velocità sono molto ridotte e riduce automaticamente i periodi di utilizzo in questa modalità, con conseguente riduzione dell'usura dei componenti e del consumo di carburante. Inoltre, con la nuova versione basta premere un pulsante sul joystick per attivarla, mentre sul carrello elevatore C250H era necessario tenere premuto il pulsante per mantenere attiva la trazione 4x4.

La nuova versione del carrello elevatore da 250 quintali ha inoltre ridotto il peso complessivo della macchina da 440 quintali del C250H a 415 quintali del nuovo modello, consentendo di sfruttare tutta la potenza del motore e di superare pendenze fino al 38%.

Sicurezza
L'aspetto della sicurezza del funzionamento della macchina è stato notevolmente migliorato tra questi due modelli di carrelli elevatori fuoristrada. Mentre il C250H aveva solo una trasmissione idrostatica che consentiva di mantenere la velocità della macchina e abitacoli ROPS/FOPS, il nuovo C251H è ora dotato, tra l'altro, di sistemi intelligenti di sicurezza attiva: in primo luogo, l'Hill Holder, un assistente alla partenza in salita che porta la macchina ad arrestarsi completamente quando si toglie il piede dall'acceleratore e la velocità è prossima allo zero. In questo modo si evitano movimenti involontari della macchina che potrebbero danneggiare l'operatore o l'area circostante. È inoltre dotato di un freno di stazionamento elettronico per una maggiore sicurezza e di un volante regolabile in altezza e profondità, che garantisce il totale comfort del conducente durante il lavoro.

Allo stesso modo, la riprogettazione del carrello elevatore ha consentito di rivedere l'abitacolo, modificandone la struttura per aumentare del 30% la visibilità del conducente. Il tutto mantenendo la stessa compattezza della macchina del modello precedente: 1.520 mm di larghezza.

Bassa manutenzione
Le innovazioni tecnologiche del nuovo C251H non finiscono qui, ma convergono tutte in un unico spazio digitale: uno schermo situato sul cruscotto dove l'utente può ottenere tutte le informazioni del carrello elevatore in tempo reale: velocità, giri, indicatori del DPF, spie... ma da dove è inoltre possibile effettuare anche un'autodiagnosi della macchina, una novità molto rilevante. Il sistema di diagnosi a bordo è stato progettato in modo da poter interagire con lo schermo dallo stesso joystick funzionale. È possibile accedere ai possibili codici di errore senza dover ricorrere a strumenti esterni. Tale innovazione consente di ridurre notevolmente i tempi di inattività e i costi di manutenzione, poiché, se necessario, l'intervento tecnico può essere effettuato a distanza o, se ciò non è possibile, il tecnico dell'assistenza può individuare in anticipo l'origine del guasto e portare con sé il pezzo di ricambio e gli strumenti necessari.


C251H VS C250H, L'EVOLUZIONE VERSO LA NUOVA GENERAZIONE DI CARRELLI ELEVATORI 4X4

D'altra parte, una delle caratteristiche distintive dei carrelli elevatori fuoristrada AUSA è la possibilità di ripiegare l'abitacolo per poter accedere facilmente a tutti gli elementi meccanici e di manutenzione. Questa caratteristica era già stata incorporata nel carrello elevatore C250H quando è stato lanciato nel 2000. Oggi questa funzionalità è ancora disponibile sul nuovo C251H, ma AUSA ha fatto un passo avanti e ha anche integrato un nuovo coperchio del motore sulla parte superiore del contrappeso, che prima non esisteva. L'obiettivo è quello di aumentare l'accessibilità al gruppo motore e quindi di poter eseguire più rapidamente eventuali interventi di manutenzione, riducendo i tempi di fermo del carrello elevatore in caso di intervento.

Connettività
A causa del notevole divario temporale tra i modelli, il proprietario di uno dei primi carrelli elevatori C250H non poteva certo ipotizzare la necessità di avere tutte le informazioni sulla sua macchina in remoto, di controllarla dal suo telefono cellulare o di prendere le future decisioni di acquisto analizzando i dati dal suo ufficio. Grazie alla connettività del carrello elevatore C251H tramite AUSAnow, l'utente può accedere in tempo reale a qualsiasi dato collegato, come la posizione, la velocità, le distanze percorse, le ore di lavoro giornaliere, il livello di carburante o persino le indicazioni di sicurezza, come l'allacciamento della cintura di sicurezza o l'attivazione del freno di stazionamento.

In breve, il carrello elevatore C251H rappresenta una grande evoluzione rispetto ai suoi predecessori C250H e CH250, ma ha anche significato un importante progresso nel campo dei carrelli elevatori fuoristrada, posizionandosi come il più avanzato tecnologicamente, il più sicuro e quello dalla manutenzione più facile.

www.ausa.com

  Richiedi maggiori informazioni…

LinkedIn
Pinterest

Unisciti agli oltre 15.000 follower di IMP