www.industria-online.com
SCHUNK News

L'UNITÀ DI ROTAZIONE PIÙ PIATTA CON FRENO ELETTRICO PER LA TECNICA DI MONTAGGIO E DI MOVIMENTAZIONE

Piatta, precisa e con elevate prestazioni compatte: l'unità rotante versatile e meccatronica SCHUNK ERT permette movimenti di rotazione flessibili e dinamici in spazi ristretti, ed è praticamente esente da usura e manutenzione. Come optional, l'unità è disponibile con un freno, che viene azionato tramite l'unità di controllo. Questo ha il vantaggio che l'altezza della SCHUNK ERT rimane invariata. Si tratta di una novità sul mercato e crea ottimi presupposti per le applicazioni di montaggio e manipolazione in spazi ridotti nel campo dell'elettronica, della tecnologia medica, dell'industria farmaceutica, cosmetica e solare. Questo vale anche per le applicazioni nel campo dell'ingegneria meccanica, della lavorazione laser o per i processi di imballaggio che prevedono spazio limitato.

L'UNITÀ DI ROTAZIONE PIÙ PIATTA CON FRENO ELETTRICO PER LA TECNICA DI MONTAGGIO E DI MOVIMENTAZIONE

Questa unità può essere utilizzata come alimentatore rotativo per componenti, gruppi di montaggio e utensili, ma anche come attuatore rotante in soluzioni a portale, come tavola rotante indexata o modulo di posizionamento ad alta precisione. Si basa su un motore torque permanentemente eccitato, è attrezzata con un encoder assoluto, e garantisce una precisione di ripetibilità di 0,01° senza riferimento al primo tentativo, così come brevi tempi di reazione e coppie elevate. Un foro centrale di dimensioni generose permette di far passare cavi e tubi flessibili o di utilizzare una telecamera.


L'UNITÀ DI ROTAZIONE PIÙ PIATTA CON FRENO ELETTRICO PER LA TECNICA DI MONTAGGIO E DI MOVIMENTAZIONE
L'attuatore rotante SCHUNK ERT può essere utilizzato come tavola rotante indexata, ma anche come modulo di manipolazione in applicazioni a portale.

Sono disponibili numerose varianti e opzioni

Si possono utilizzare controller di azionamento di diversi produttori e quindi è garantita la massima flessibilità possibile nella strategia di controllo e regolazione, poiché i moduli possono essere integrati senza soluzione di continuità in architetture di sistema già esistenti. In caso di arresto, l'unità opzionale con freno fissa in modo affidabile la sua posizione senza modificare l'altezza dell'unità, anche se una forza esterna agisce sull'unità. Nella prima fase, questo modulo versatile sarà disponibile nelle taglie 12, 50 e 300 con coppie nominali di 1,5 Nm, 7,8 Nm e 32 Nm, diametri esterni di 120 mm, 167 mm e 277 mm, e momenti di inerzia di massa massima ammissibile di 0,07 kgm2, 0,39 kgm2 e 5,53 kgm2. L'alimentazione e l'azionamento sono assicurati tramite connettori standard (M12/M17). In una seconda fase di sviluppo, saranno disponibili distributori opzionali per il passaggio di tubi e cavi di segnali elettrici, segnali bus o fluidi, e inoltre versioni resistenti alla polvere e agli spruzzi d'acqua (IP54).
 

  Richiedi maggiori informazioni…

LinkedIn
Pinterest

Unisciti agli oltre 15.000 follower di IMP