www.industria-online.com
SOURIAU – SUNBANK Connection Technologies

Esterline Connection Technologies – SOURIAU segue le direttive dell’Agenzia Europea delle Sostanze Chimiche e migliora i suoi processi di elettroplaccatura

Il regolamento europeo REACH, che mira a garantire un elevato livello di protezione della salute umana e dell’ambiente, impone il rispetto di regole severe sull’uso di sostanze chimiche. Per proteggere i dipendenti nelle sue sedi di produzione di Champagné e Marolles en Brie, e in risposta a questi nuovi vincoli normativi e su richiesta dei propri clienti, SOURIAU sta adeguando i propri processi di elettroplaccatura. MARIE LE SCAON, Responsabile Tecnico del Trattamento delle Superfici presso lo stabilimento di Champagné, fornisce un aggiornamento sulle soluzioni previste dall’azienda come sostituti del cromo esavalente.

Esterline Connection Technologies – SOURIAU segue le direttive dell’Agenzia Europea delle Sostanze Chimiche e migliora i suoi processi di elettroplaccatura
Perché REACH è un argomento così importante per SOURIAU?
MLS: Da settembre 2017 le normative europee proibiscono l’uso del cromo esavalente nei nostri processi di elettroplaccatura per il trattamento di connettori in lega di alluminio e in composito. Abbiamo ottenuto una proroga dall’Agenzia Europea delle Sostanze Chimiche per permetterci di continuare a utilizzare questa sostanza, ma i nostri team stanno lavorando su soluzioni alternative da molto tempo.

È un fattore importante per preservare l’attività di produzione dei connettori nello stabilimento di Champagné.

Com’è organizzata questa ricerca di soluzioni alternative?
MLS: Innanzitutto, il nostro reparto di industrializzazione nella fase di preparazione lavora con i nostri fornitori di prodotti chimici per attingere alla loro esperienza in altri settori industriali, ad esempio nel settore automobilistico o delle materie plastiche. Quindi, adeguiamo le gamme dei prodotti alle nostre esigenze in termini di continuità, maneggevolezza, aspetto e resistenza alla nebbia salina. Successivamente, quando la soluzione ha raggiunto un certo grado di maturità in termini di processo, lavoriamo con tutti i servizi di produzione per convalidare e qualificare la soluzione.

Perché è così difficile evitare l’uso del cadmio?
MLS: i nostri connettori sono destinati ad essere utilizzati in ambienti difficili. Per questo motivo, la protezione esterna è di capitale importanza. Cadmio e zinco-nichel soddisfano i criteri richiesti per quanto riguarda la finitura e l’affidabilità di componenti che possono essere utilizzati per diversi decenni in tutti i tipi di condizioni operative: caldo, freddo, salinità, corrosione, ecc. L’altro vantaggio del cadmio è che è economico e facilmente reperibile... quindi farne a meno o sostituirlo non è così semplice!

Lo stesso vale per il cromo esavalente?
MLS: Il processo di passivazione del cromo esavalente è l’unica soluzione fattibile se si vuole avere la placcatura di cadmio con un colore verde oliva. Inoltre, questo trattamento conferisce agli alloggiamenti dei connettori proprietà autorigeneranti che sono molto utili per garantirne l’affidabilità a lungo termine. Un altro aspetto importante in termini di produzione è la velocità di trattamento, che richiede solo da 30 a 45 minuti, mentre altri impianti impiegano fino a 1 ora e mezza e anche di più! Fino ad ora l’applicabilità universale del cromo esavalente e del cadmio li ha resi un abbinamento indispensabile.

Ad oggi, qual è lo stato delle soluzioni sostitutive?
MLS: per i connettori compositi abbiamo sviluppato una gamma di trattamenti per diversi materiali plastici che sono esenti da cromo e che producono una superficie finita con prestazioni identiche. È un risultato importante, perché ci ha permesso di ridurre il consumo di cromo esavalente del 50% quest’anno. Per i connettori in alluminio stiamo lavorando attivamente a una soluzione di passivazione che utilizza il cromo trivalente, che è autorizzato da REACH. Tuttavia, questa soluzione perfettamente funzionante al momento non sostituisce il cromo esavalente in tutti i casi. Pertanto sono necessari dei compromessi.

Con le normative da una parte e gli obblighi contrattuali dall’altra, non deve essere una situazione facile...
MLS: È vero che ci troviamo di fronte a vincoli che ci vengono imposti da norme internazionali come MIL, EN, QPL, ecc. che dobbiamo rispettare nei settori aeronautico e spaziale, ma anche nel settore delle ferrovie, del nucleare, delle turbine eoliche e dell’hardware militare in generale.

Non dimentichiamo che i principali mercati industriali che consumano grandi quantitativi di prodotti chimici e che sono influenzati da REACH hanno le stesse scadenze che abbiamo noi! Sì, il regolamento REACH crea problemi per noi, ma allo stesso tempo è un vero catalizzatore per l'innovazione, che consente di superare gli ostacoli.

Potresti descrivere il contesto in cui lavori?
MLS: SOURIAU, che dal 2001 ha il certificato ISO 14001, è un fornitore globale di connettori per ambienti difficili. Produciamo 13 milioni di connettori all’anno. L’officina di elettroplaccatura, di cui sono incaricata a livello tecnico, è dotata di un sistema di ventilazione che sostituisce l’aria ogni otto minuti. L’aria passa attraverso torri di pulizia che trattano tutti gli effluenti e i rifiuti residui vengono trattati da un’azienda specializzata. Usiamo 8 tonnellate di cromo esavalente all’anno. Con REACH questo consumo è già stato ridotto del 50% come risultato diretto delle modifiche apportate al processo industriale.

Qual è il segreto del tuo successo?
MLS: Non appena è stato introdotto il regolamento REACH, il management di SOURIAU ha deciso di fare tutto il possibile per garantire il successo di questa nuova normativa. Oggi REACH si applica solo all’Europa, ma a medio o lungo termine interesserà tutti i principali paesi industriali. E i grandi clienti europei considerano la conformità al REACH come un fattore chiave nella selezione dei loro fornitori. Inoltre SOURIAU è in vantaggio rispetto alla concorrenza: la volontà di avere successo, gli investimenti e il lavoro di squadra coerente attorno a questo progetto hanno già prodotto risultati tangibili.

  Richiedi maggiori informazioni…

LinkedIn
Pinterest

Unisciti agli oltre 15.000 follower di IMP